Master in Medicina Narrativa Applicata, la sesta edizione

Anche quest’anno la Fondazione ISTUD, rilancia il master rivolto alla Medicina Narrativa. Il Master in Medicina Narrativa Applicata è rivolto a tutti coloro che operano in sanità, nelle imprese delle scienze della vita, associazioni di pazienti e cittadini per dare strumenti concreti e un network nazionale e internazionale su questo nuovo paradigma per curare e per prendersi cura di se stessi e del proprio gruppo di riferimento.

DATE DELLA SESTA EDIZIONE (tutti i moduli si terranno a Milano dal giovedì al sabato):

  • Primo modulo: 14-15-16 settembre 2017 (dalle ore 15 del Giovedì) – Definizione e strumenti della Medicina Narrativa. Le applicazioni pratiche nei diversi contesti di cura
  • Secondo modulo: 30 novembre e 1-2 dicembre 2017 (dalle ore 15 del Giovedì) – Narrazione e sostenibilità. L’utilizzo della Medicina Narrativa nelle organizzazioni sanitarie.
  • Terzo modulo: 8-9-10 febbraio 2018 (dalle ore 15 del Giovedì) – Pubblicare la Medicina Narrativa. La costruzione di un network per la valorizzazione dei progetti di Medicina Narrativa e dei suoi risultati

Perché partecipare?

  • 60 ore di lezione di cui 20 ore di docenza internazionale con alcune figure rappresentative dell’eccellenza nel mondo nella pratica organizzativa della narrazione in Sanità (MCPHS University of Boston, University of Düsseldorf, University of Lisbon, Faculty Development for Health Education)
  • Docenza di Medical Writing – la pubblicazione della Medicina Narrativa
  • 76 ore di esercitazione e tutorship a distanza
  • Un diploma riconosciuto da tutti i docenti nazionali ed internazionali del Master
  • Accreditamento ECM per ciascun modulo
  • Accesso ad un’area riservata on line con tutto il materiale del corso
  • Egida della Società Italiana di Medicina Narrativa (e sconto per gli associati sul costo di iscrizione)

Pubblicato in H.story, medicina narrativa | Contrassegnato , | Lascia un commento

Scienza e Tecnologia della Medicina Narrativa

Questo il titolo del prossimo workshop intensivo organizzato da Fondazione Istud. L’evento, che avrà sede a Milano presso la Blend Tower i prossimi 28-30 maggio, ha l’obiettivo di presentare ai professionisti sanitari, e altri portatori di interesse nel contesto sanitario che hanno già una conoscenza di base della Medicina Narrativa, strumenti più raffinati e aggiornati di questa disciplina, per elaborare strategie di applicazione della scienza della Medicina Narrativa all’interno della propria organizzazione, analizzare le evidenze che emergono dalle narrazioni in sanità e comunicarle in maniera scientifica.

 

Programma

Giovedì 18 maggio 2017 – ore 11:30/18.00

  • Welcome to your narratives” – Medicina Narrativa nel mondo: dove stai andando? – Le policies della World Helath Organization, sulla comprensione del contesto culturale per la salute.
  • I centri internazionali di ricerca narrativa.
  • Narrative Medicine Storyline – L’incontro tra il metalinguaggio semantico naturale e la Medicina Narrativa.
  • Confronto a gruppi: mappatura delle proprie relazioni e progettazioni di Medicina Narrativa.
  • Conversazione con… Brian Hurwitz, Director of the Centre for Humanities and Health, King’s College, London.

Venerdì 19 maggio 2017 – ore 9:00/18:00

  • Dentro alle narrazioni – Analisi e classificazioni delle narrazioni: laboratorio.
  • Come costruire un progetto scientifico di Medicina Narrativa, dalla teoria alla pratica.
  • Conversazione con… Paolo Banfi, Pneumologo IRCCS Don Gnocchi, Milano.

Sabato 20 maggio 2017 – ore 9:00/16:30

  • Conversazione con… Bert Peeters Australian National University, Canberra & Griffith University, Brisbane
  • Dalla progettazione, alla pubblicazione, alla pratica clinica quotidiana: l’esempio del progetto “SOUND Scrivere narrazioni di pazienti in Asma grave per una nuova efficace diversificazione e valorizzazione delle cure”.
  • Scienza della formazione alla Medicina Narrativa.

 

A questo indirizzo tutte le informazioni dell’evento e la scheda di partecipazione. L’iscrizione è possibile effettuarla entro il 31 marzo e prevede l’assegnazione di 22,6 crediti ECM.

 

 

 

Pubblicato in medicina narrativa, sistema, strumenti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Espressioni di cura. Parole e immagini per narrare la malattia oncologica

La quinta edizione del concorso artistico-letterario nazionale «Espressioni di cura. Parole e immagini per narrare la malattia oncologica», promosso dall’Istituto Nazionale Tumori CRO di Aviano, si arricchisce di nuove forme artistiche per esprimere il rapporto con l’esperienza oncologica.
Il concorso si rivolge a pazienti/ex pazienti oncologici, operatori con esperienza di lavoro nelle strutture sociosanitarie con pazienti oncologici e caregiver, ovvero persone che si siano prese cura di pazienti con tumore in qualità di familiari, amici e volontari.

«Il concorso rientra nelle attività del programma istituzionale Patient Education & Empowerment del CRO – spiega il Direttore Scientifico dell’Istituto, Paolo De Paoli – volto a favorire la comunicazione tra i pazienti e il personale sanitario. Gli elaborati di questa edizione, come i precedenti, saranno utilizzati al fine di migliorare l’organizzazione dei percorsi di cura delle strutture sanitarie».

Per la quinta edizione il tema scelto è «I nomi che diamo alle cose».
I partecipanti potranno concorrere a una o più sezioni scegliendo tra Narrativa, Poesia e Fotografia.
Il materiale dovrà pervenire all’indirizzo espressionidicura@cro.it entro e non oltre il 15 febbraio 2017 e sarà valutato da una giuria composta da esponenti del mondo socioculturale che stabilirà, se li riterrà meritevoli, due vincitori per ciascuna sezione, riservandosi la possibilità di premiare altre opere meritevoli e discutere eventuali ex aequo.
La premiazione si terrà a maggio 2017 al CRO di Aviano nell’ambito del convegno annuale dedicato alle narrazioni in medicina e alla Medicina Narrativa.
Le opere vincitrici ed estratti degli altri elaborati verranno pubblicati in un’antologia realizzata non a scopo commerciale.

Il bando 2016 del concorso è disponibile sul sito. Per informazioni rivolgersi alla Segreteria organizzativa del concorso tramite il numero 0434 659709 o scrivendo a espressionidicura@cro.it.

“Espressioni di cura” è realizzato nell’ambito delle iniziative promosse dalla Legge Regionale 25/2006, con il sostegno di:
Comune di Aviano
Comune di Pordenone
Associazione Italiana Biblioteche – Sezione FVG
Fondazione Pordenonelegge.it
Società Italiana di Medicina Narrativa (SIMeN)
In collaborazione con:
Mediateca Cinemazero di Pordenone
Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT)-Sezione provinciale pordenonese
Fondazione CRO Onlus
Unione Industriali di Pordenone

Pubblicato in H.story, medicina narrativa, ospedali italiani, raccontiamoci | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Master in Medicina Narrativa applicata: V edizione

Anche quest’anno la Fondazione ISTUD, rilancia il master rivolto alla Medicina Narrativa. Il Master in Medicina Narrativa Applicata è rivolto a tutti coloro che operano in sanità, nelle imprese delle scienze della vita, associazioni di pazienti e cittadini per dare strumenti concreti e un network nazionale e internazionale su questo nuovo paradigma per curare e per prendersi cura di se stessi e del proprio gruppo di riferimento.

medicina-narrativa

DATE DELLA NUOVA EDIZIONE (tutti i moduli si terranno a Milano dal giovedì al sabato):

  • Primo modulo: 27-28-29 ottobre 2016 (dalle ore 15 del Giovedì) – Definizione e strumenti della Medicina Narrativa. Le applicazioni pratiche nei diversi contesti di cura
  • Secondo modulo: 12-13-14 gennaio 2017 (dalle ore 15 del Giovedì) – Narrazione e sostenibilità. L’utilizzo della Medicina Narrativa nelle organizzazioni sanitarie.
  • Terzo modulo: 30-31 marzo e 1 aprile 2017 (dalle ore 15 del Giovedì) – Pubblicare la Medicina Narrativa. La costruzione di un network per la valorizzazione dei progetti di Medicina Narrativa e dei suoi risultati

Perché partecipare?

  • 60 ore di lezione di cui 20 ore di docenza internazionale con alcune figure rappresentative dell’eccellenza nel mondo nella pratica organizzativa della narrazione in Sanità (MCPHS University of Boston, University of Düsseldorf, Università Sorbonne, Faculty Development for Health Education)
  • Nuova docenza di Medical Writing – la pubblicazione della Medicina Narrativa
  • 76 ore di esercitazione e tutorship a distanza
  • Un diploma riconosciuto da tutti i docenti nazionali ed internazionali del Master
  • Accesso ad un’area riservata on line con tutto il materiale del corso
  • Egida della Società Italiana di Medicina Narrativa (e sconto per gli associati sul costo di iscrizione)

SCONTO PER LE ISCRIZIONI ENTRO IL 15/09/2016

Scarica la brochure del corso per avere maggiori informazioni.

Pubblicato in H.story, medicina narrativa | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Volere non basta: un corso di formazione sulla Medicina Narrativa digitale

Narrazione e tecnologia digitale per una personalizzazione del percorso di cura, parte il corso di Fondazione MSD sulla Medicina Narrativa digitale: “ Volere non Basta. Da un Nuovo Paziente a una Nuova Alleanza Terapeutica”.

Guidato dal Center for Digital Health Humanities e OMNI (Osservatorio Medicina Narrativa Italia) e patrocinato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Politecnico di Milano, il corso che parte oggi a Roma propone per la prima volta alle Associazioni di Pazienti un percorso formativo che intreccia le potenzialità del digitale con l’importanza delle narrazioni in medicina.

Volere-non-basta-medicina-narrativa

25 Associazioni di Pazienti  incontrano i  maggiori esperti in Italia di medicina narrativa e digital health in 6 giornate di  lezioni frontali e laboratori empirici per imparare a fare della narrazione – anche attraverso le più moderne tecnologie digitali – uno strumento di empowerment.

Le nuove tecnologie digitali hanno rivoluzionato il rapporto medico-paziente. Grazie agli strumenti messi a disposizione dalla digital health oggi è possibile, in tempo reale, accedere a dati e informazioni sempre aggiornati sulla nostra salute e, nello stesso tempo, comunicare e condividere con altri “pazienti come me” le paure, le aspettative, gli effetti dei farmaci.

Da una recente indagine  condotta dalla Commissione Europea, emerge che il 59% degli intervistati ha utilizzato Internet per la ricerca di informazioni legate a temi di salute negli ultimi 12 mesi. Anche in Italia, secondo l’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano,  sempre più cittadini dichiarano di utilizzare i canali digitali per comunicare con il medico di base (16%, valore più che triplicato rispetto all’anno precedente). Il dato è confermato dai dati della ricerca svolta in collaborazione con FIMMG e Doxapharma su un campione di 656 medici di medicina generale: per comunicare con i propri pazienti, i medici di medicina generale utilizzano sempre più nuovi canali digitali, tra cui WhatsApp (53%, +33% rispetto al 2015).

Questo empowerment digitale del paziente ne trasforma la capacità narrativa che – se correttamente incalanata verso la pratica clinica –  diventa uno strumento fondamentale per costruire, insieme al medico, percorsi di cura personalizzati. Ed è proprio la  medicina narrativa a  fornire  le metodologie necessarie a facilitare questo  passaggio.

Ecco, dunque,  il perchè del corso  Volere non basta, da un nuovo Paziente a una Nuova Alleanza Terapeutica: una full immersion nel mondo della medicina narrativa per approfondirne tecniche, potenzialità e contesti appropriati di utilizzo. L’obiettivo è facilitare una co-costruzione del percorso diagnostico-terapeutico, che garantisca aderenza terapeutica e appropriatezza delle cure a livello del singolo paziente,  sostenibilità e qualità dei servizi erogati a livello del sistema sanitario nel suo complesso.

“Negli ultimi quattro anni – sottolinea Goffredo Freddi, Direttore della Fondazione MSD – la Fondazione MSD ha promosso un percorso di formazione, partendo dai bisogni espressi dalle Associazioni di Pazienti, per rafforzare il potenziale innovativo e strategico del loro ruolo e della loro comunicazione sia nell’ambito dell’advocacy che del  counselling ai loro associati.  Siamo felici di contribuire, ancora una volta, alla costruzione di “patients skill”, questa volta nell’area della narrazione digitale: la chiave che apre la serratura di una medicina personalizzata, fondata sulla partecipazione attiva dei soggetti coinvolti nelle scelta, sfruttando a pieno le potenzialità offerte alla narrazione dalle più moderne tecnologie digitali ”

Il progetto formativo è ideato e coordinato da Cristina Cenci con il team di OMNI, l’Osservatorio Medicina Narrativa Italia: Stefania Polvani, Paolo Trenta, Mauro Zampolini, tra i pionieri in Italia nell’uso clinico delle narrazioni. Antropologa, Cristina Cenci ha fondato il  Center for Digital Health Humanities e la start-up sociale innovativa DNM-Digital Narrative Medicine, la prima piattaforma digitale per l’applicazione della medicina narrativa nella pratica clinica.

Il corso si aprirà con la presentazione di un’indagine qualitativa sui punti di contatto digitale nella relazione medico-paziente svolta presso tre delle Associazioni di Pazienti già coinvolte nelle precendenti edizioni del corso Volere non Basta (Epac onlus, Walce, Amici onlus)  e curata da A. Boaretto di Personalive (società incubata presso Polihub del Politecnico di Milano). A seguire sei giornate di formazione (27-28 maggio, 10-11 giugno, 24-25 giugno) gestite da un  panel molto ricco di esperti sul tema come docenti e con lectures di approfondimento di Daniela Minerva, Direttore di Rsalute de La Repubblica, Eugenio Santoro, IRCCS Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano e Sandro Spinsanti, Direttore Istituto Giano.

È possibile rimanere aggiornati su tutti gli appuntamenti e le attività del corso attraverso l’hashtag ufficiale #VolereNonBasta.

CONTATTI
Center for Digital Health Humanities
via Cornelio Celso, 22A 00161 Roma
TEL. +39 06 44254815
info@cdhhu.com

Fondazione MSD
via Vitorchiano, 151 – 00189 Roma
TEL. +39 06 361915141
fondazionemsd@merck.com

Pubblicato in H.story, medicina narrativa | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Strumenti di Medical Writing per pubblicare la Medicina Narrativa, un corso formativo

Il prossimo 29 giugno a Milano si terrà un corso formativo a cura dell’Area Sanità e Saluta della Fondazione Istud.

Obiettivo del corso Strumenti di Medical Writing per pubblicare la Medicina Narrativa è quello di fornire gli strumenti per realizzare una pubblicazione di Medicina Narrativa da sottoporre a riviste scientifiche: i partecipanti sapranno strutturare, scrivere e rielaborare un articolo scientifico su un progetto di Medicina Narrativa, padroneggiare gli elementi di base dell’inglese scientifico, e conosceranno i canali della stampa scientifica internazionale.

La formula è quella del workshop: verranno intervallati momenti di lavoro congiunto ed interattivo a sessioni teoriche e di confronto. Rivolto a professionisti medici, professionisti sanitari, professionisti dell’aiuto, membri di associazioni di pazienti, membri di istituzioni sociali e sanitarie, professionisti nelle imprese che operano nel mondo della salute e della sanità, e a tutti coloro che vogliono pubblicare un progetto di Medicina Narrativa, si terrà presso la sede di Milano della Fondazione Istud.

Fondazione-istud-medical-writing

Come riportato sul portale di medicina Narrativa dell’Istud:

Da oltre vent’anni gruppi di professionisti in tutto il mondo decidono di provare a migliorare la loro pratica clinica quotidiana e la relazione di cura attraverso la narrazione, e hanno raccolto evidenze ed effettuato studi complessi perché questo strumento entri nel DNA del processo di cura. Eppure, pubblicare articoli di Medicina Narrativa su riviste scientifiche specializzate è ancora considerato un azzardo fino a diventare impossibile. Prova ne è che due mesi fa è stata lanciata una petizione da parte di Trisha Greenhalgh sul British Medical Journal, perché i referees imparino ad accogliere dati qualitativi oltre che quantitativi, e capiscano l’importanza che proviene da questa filosofia, che non è solo una moda effimera ma sta realmente cambiando le prassi delle cliniche. In questo mondo scientifico, tutto quello che non è pubblicabile è di scarso valore. Come impegnarsi affinché questo paradigma cambi? Al di là della necessità della raccolta delle firme, bisogna impegnarsi a pubblicare su riviste scientifiche attraverso un processo di mediazione tra un impianto della ricerca esclusivamente qualitativo e le evidenze numeriche. La nostra esperienza ci insegna che si può pubblicare su riviste scientifiche: certo, siamo dei pionieri, ma confidanti che presto i referees delle riviste scientifiche saranno sempre più preparati e volenterosi nell’accogliere ricerche di questa natura.

Per maggiori informazioni scarica la brochure.

 

 

Pubblicato in H.story, medicina narrativa, strumenti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La Medicina Narrativa: narrare e narrarsi per un’assistenza di qualità

Il prossimo 20 maggio, si terrà un seminario gratuito organizzato dallo psicologo responsabile dell’area di psicologia del day hospital oncologico della USSL 15 “Alta Padovana”, il Dott. Luca Riccardi, e dalla Fondazione Altre Parole ONLUS, una fondazione per l’umanizzazione delle cure in oncologia.
Questo il link dell’evento, che è aperto a tutti gli operatori sanitari e si terrà a Montegrotto Terme (PD).

Il seminario è rivolto al personale sanitario:
Medici
Infermieri
Psicologi
Counselor
Operatori Socio Sanitari

Dalle 18.00 alle 19.00 si terrà un incontro col Prof. Sandro Spinsanti per la presentazione del suo ultimo libro “La medicina vestita di narrazione” e a seguire “Calici Narrativi” un aperitivo gratuito con il Prof. S. Spinsanti, la Dott.ssa N. Cavalli ed il Dott. F. Gaion, moderatore il Dott. Luca Pinzi.

Per partecipare all’evento scrivere a profonditabenessere@gmail.com

locandina-narrativa

 

Pubblicato in H.story, medicina narrativa | Contrassegnato , , | 2 commenti

Progetto Co.meta: il design al servizio della qualità della vita delle persone affette da Autismo

Come l’anno scorso anche quest’anno H.story presenterà il percorso realizzato insieme all’Associazione spagnola Asperger Salamanca con la collaborazione attiva di Barbara Canestrari, che da anni supporta le famiglie con bambini autistici, alla 4° edizione del progetto Co.meta (Scuola del Design – Politecnico di Milano a cura di G. Simonelli e V. Arquilla D. Genco, F. Guaricci, E. Magini).

Qui sotto la locandina dell’evento che si terrà il prossimo 5 novembre presso il Politecnico di Milano.

Locandina_CoMeta_v02

 

 

Pubblicato in H.story, medicina narrativa | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Scienza e tecnologia della Medicina Narrativa, un workshop a cura di Fondazione Istud

Workshop_Medicina_Narrativa_IstudIn seguito alle esigenze dimostrate da vari professionisti sanitari di approfondire le tematiche riguardanti la Medicina Narrativa, Fondazione Istud lancia un workshop intensivo dove poter mettere in pratica le narrative skills col supporto di una consulenza esperta e di una docenza internazionale, andando ad implementare queste competenze con l’utilizzo di software dedicati (Nvivo) per l’analisi delle narrazioni.

Il workshop intensivo e residenziale, di livello avanzato e accreditato ECM, “Scienza e tecnologia della Medicina Narrativa” intende presentare ai professionisti sanitari, ai direttori sanitari, ai medici, agli infermieri, agli psicoterapeuti, ai farmacisti, alle associazioni di pazienti e ad altri portatori di interessi, strumenti più raffinati e aggiornati di questa disciplina, col fine di:

  • – elaborare strategie di applicazione della scienza della Medicina Narrativa all’interno della propria organizzazione;
  • – analizzare le evidenze che emergono dalle narrazioni in sanità;
  • – comunicarle in maniera scientifica tramite pubblicazioni.

Mediante lezioni interattive, esercitazioni e laboratori sarà possibile per i partecipanti sperimentare gli strumenti propri dei progetti di Medicina Narrativa. Durante il Workshop, sono previsti dei momenti di lavoro individuale e di gruppo, durante cui i partecipanti analizzeranno le storie già raccolte da pazienti o da operatori, e disegneranno un proprio progetto di Medicina Narrativa. I partecipanti avranno il supporto della consulenza esperta di Fondazione ISTUD, a cui si uniranno momenti di dialogo e di docenza con esperti di Medicina Narrativa a livello nazionale e internazionale.

Ciascuna giornata sarà strutturata su tre sessioni, rispettivamente dedicate a una docenza esperta, ai laboratori e alla testimonianza di un professionista. Tra i principali argomenti trattati, vi saranno le possibili classificazioni delle narrazioni, la realizzazione e la pubblicazione di un progetto scientifico di Medicina Narrativa, la scrittura riflessiva e creativa, gli aspetti etici della Medicina Narrativa, gli strumenti innovativi e tecnologici di elaborazione delle storie.

Il workshop si terrà dal 7 all’11 ottobre a Baveno (VB), a poca distanza da Milano e dall’aeroporto di Malpensa, presso il centro di formazione della Fondazione ISTUD.

In contemporanea la Fondazione Istud lancia il bando di concorso “L’impatto della Medicina Narrativa per il miglioramento della qualità delle cure” dove offre la possibilità di usufruire di una partecipazione gratuita tramite l’invio di un progetto di Medicina Narrativa entro e non oltre il 20 settembre 2015:

– A questo concorso possono partecipare solo gliiscritti al Workshop.
– L’elaborato deve essere lungo non più di sei cartelle e deve essere redatto in Times New Roman 12, con interlinea singola.

L’elaborato sarà giudicato in base a tre diversi criteri: il livello di complessità del progetto, il suo grado direalizzazione e il suo possibile impatto sulla pratica clinica.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al post ufficiale della Fondazione da cui è possibile scaricare la brochure.

Pubblicato in medicina narrativa, ospedali italiani | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La Medicina Narrativa incontra il teatro

Oggi vi segnaliamo la performance teatrale Medicina Narrativa e Teatro, restituzione sociale del laboratorio di medicina narrativa condotto dal Teatro Officina in partenariato con Fondazione Lu.V.I. e CeAS (Centro Ambrosiano di solidarietà ONLUS) e realizzata grazie al sostegno di Fondazione Cariplo.

Lab.Medicina-Narrativa-a-teatro_foto-sito-

Lo spettacolo andrà  in scena nelle seguenti date:

  • 28 gennaio ore 21.00 TEATRO OFFICINA – via Sant’Elembardo, 2 (Gorla)
  • 2 febbraio ore 18.00 Hospice CASCINA BRANDEZZATA – via Ripamonti, 428
  • 16 febbraio ore 16.00 Comunità Alisei CeAS – via Marotta, 8 (Parco Lambro)

 
Per maggiori informazioni e per le prenotazioni: 
Teatro Officina
via S. Elembardo 2, Milano (MM1 Gorla)
telefono 02.2553200
info@teatroofficina.it
www.teatroofficina.it

Pubblicato in H.story, medicina narrativa, raccontiamoci | Contrassegnato , , , | Lascia un commento
progettoHstory H.story
Verso una sanità ecologica. Le parole, gli ambienti e le risorse per un sistema sostenibile. https://t.co/pUXuTwXjcI via @istud_it