In cura di Medicina Narrativa, un approfondimento su Il Sole 24 ore

Fondazione Istud. Ogni caso clinico va descritto, decifrato e tramandato per integrare diagnosi e assistenza. L’ascolto del paziente migliora la sua soddisfazione e riduce i contenziosi.

Così titola il suo lungo articolo Maria Giulia Marini, Responsabile Area Sanità e salute della fondazione Istud, pubblicato circa un mese fa sull’inserto Sanità de Il Sole 24 ore. Trovate qui l’estratto in pdf.

Corsia dell'ospedale di Arles Van Gogh

Alle parole di Maria Giulia Marini sono state accostate alcune delle opere di Vincent Van Gogh, andando a sottolineare quanto l’espressione artistica sia un tema molto vicino a quello dell’espressione dello stato di malattia.

Nella prima parte dell’articolo, in cui troviamo il famoso dipinto Corsia dell’ospedale di Arles (1889), viene riportata in breve una definizione della disciplina della Medicina Narrativa. La seconda parte invece si concentra maggiormente sul concetto della narrazione associato alla storia di malattia:

“La narrazione non è chiara, lineare, prevedibile, o controllabile. Ma in realtà è proprio la sua spontaneità, la sua naturalezza che dà ulteriori lenti da lettura ai professionisti che lavorano per dare salute.”

Pubblicato in medicina narrativa, ospedali italiani | Contrassegnato | 1 commento

Una risposta a In cura di Medicina Narrativa, un approfondimento su Il Sole 24 ore

  1. Pingback: Salute e Medicina » In cura di Medicina Narrativa, un approfondimento su Il Sole 24 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

progettoHstory H.story
Verso una sanità ecologica. Le parole, gli ambienti e le risorse per un sistema sostenibile. https://t.co/pUXuTwXjcI via @istud_it