Medicina Narrativa sul Corriere della Sera

In questi giorni sono stati pubblicati ben due articoli molto interessanti legato al tema a noi caro della Medicina Narrativa.

Il primo articolo (potete trovarlo qui), a cura di Franca Porciani, promuove il libro saggio di Donatella Lippi (docente di Storia della medicina all’Università di Firenze) dal titolo “Specchi di carta. Percorsi di lettura in tema di Medicina Narrativa“.

Specchi di carta Percorsi di lettura in tema di Medicina NarrativaIl volume raccoglie brani di letteratura italiana e internazionale attinenti alla salute, alle esperienze di malattia e i relativi commenti degli studenti. Brani che portano in luce il valore della letteratura in ambito sanitario:

“lo studio della letteratura servirebbe alla formazione del medico per controbilanciare un sapere troppo tecnologico e riduttivo, favorendo l’inserimento della «nozione» in un vissuto di malattia dove il dato autobiografico diventa un elemento da non trascurare. Perché le malattie sono fatte di singole storie, non di categorie astratte e per curare i disturbi di un malato non basta spiegarli, è necessario comprenderli.”
Il secondo articolo (clicca qui per accedere all’articolo), redatto da Maria Giovanna Faiella, segnala il progetto Controvento:
Fulcro di “Controvento”, realizzato col sostegno del Ministero della Salute, sono un libro (“I malati rari raccontano solitudine e coraggio”) e lo spettacolo teatrale “Sei autori teatrali raccontano le malattie rare”, che si terrà al teatro Sala Umberto di Roma il 28 febbraio, in occasione della giornata mondiale delle malattie rare.

Vi ricordiamo inoltre che sempre il 28 febbraio verrano premiati i vincitori del concorso Volo di Pègaso, di cui vi avevamo parlato qualche tempo fa.

Pubblicato in H.story, medicina narrativa, ospedali italiani, racconto | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

progettoHstory H.story
Verso una sanità ecologica. Le parole, gli ambienti e le risorse per un sistema sostenibile. https://t.co/pUXuTwXjcI via @istud_it