La Nutrizione Parenterale nel paziente oncologico tra aspetti clinici, bioetica e approccio narrativo

Questo il titolo dell’evento che si terrà tra qualche giorno presso il Teatro Auditorium RSA Carlo Alberto di Torino il 14 dicembre. Una giornata promossa dalla Sinpe (Società Italiana di Nutrizione Artificiale e Metabolismo), dalla rete delle Strutture di Dietetica e Nutriziona Clinica della Regione Piemonte, dalla società Baxter e sostenuta dalla Rete Oncologica del Piemonte. nutrizione_parentale_paziente_oncologico_torino

In breve riportiamo il tema chiave che si andrà ad affrontare lungo l’arco della giornata:

La Nutrizione Parenterale nel paziente oncologico costituisce un’ importante componente della terapia, sia in ambito ospedaliero che nella continuità assistenziale sul territorio. Nell’ambito del Convegno verranno analizzati gli aspetti più strettamente terapeutici e nutrizionali, valutandone però le ricadute anche in termini di qualità di vita e di bioetica.La costante tensione al miglioramento della presa in carico e della relazione terapeutica verrà infine considerata attraverso il nuovo approccio basato sulla medicina narrativa e ne verranno proposte alcune ipotesi applicative.

Di Medicina Narrativa parlerà in questa sede il dottor Giuseppe Naretto colui che ha dato il via ad un nostro progetto H.story presso l’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

Qui potete scaricare la brochure con il programma dell’evento.

Pubblicato in H.story, medicina narrativa, ospedali italiani | Contrassegnato , , , | 2 commenti

2 risposte a La Nutrizione Parenterale nel paziente oncologico tra aspetti clinici, bioetica e approccio narrativo

  1. Pingback: La Nutrizione Parenterale nel paziente oncologico tra aspetti …

  2. Pingback: Salute e Medicina » La Nutrizione Parenterale nel paziente oncologico tra aspetti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

progettoHstory H.story
Verso una sanità ecologica. Le parole, gli ambienti e le risorse per un sistema sostenibile. https://t.co/pUXuTwXjcI via @istud_it